Posted by

Dichiarazione comune in occasione della Giornata internazionale della donna 2018

La parità tra donne e uomini è uno dei valori fondamentali dell’Unione europea sancito nei nostri trattati. La nostra Unione è pioniera nell’affrontare la discriminazione basata sul genere e possiamo essere orgogliosi dei progressi compiuti: l’Europa è uno dei luoghi più sicuri ed equi per le donne nel mondo.

disegno profilo donna e scritta 8 marzo

Ma il nostro lavoro non è finito, nella pratica il percorso verso la piena parità è ancora lungo. Le donne e le ragazze sono ancora vittime di molestie, abusi e violenza e, spesso, con retribuzioni inferiori e minori opportunità di carriera e di sviluppo nel mondo imprenditoriale, non hanno ancora la possibilità di infrangere il “soffitto di cristallo”.

Vogliamo che le ragazze e le donne raggiungano la parità in tutti gli aspetti della vita: accesso all’istruzione, parità di retribuzione per lo stesso lavoro, accesso a posti di responsabilità nelle imprese e nella politica nonché protezione dalla violenza.

Promuovere la leadership e l’emancipazione economica delle donne è per noi una priorità assoluta. L’Unione europea ha presentato nuove norme  per migliorare l’equilibrio tra vita professionale e vita privata per i genitori e i prestatori di assistenza che lavorano e unpiano d’azione per contrastare il divario retributivo di genere. E dobbiamo essere d’esempio: al febbraio 2018 il numero delle donne che occupavano ruoli dirigenziali nella Commissione europea ha raggiunto il 36% rispetto all’11% al momento del nostro insediamento, nel novembre 2014. Il presidente Juncker si è impegnato a raggiungere il 40% entro il 31 ottobre 2019, al termine del nostro mandato.

In tutti gli aspetti di tutte le nostre politiche, sia all’interno dell’UE che nell’azione esterna, siamo inoltre coerenti nel promuovere la parità di genere e l’emancipazione femminile. La nostra politica contribuisce all’attuazione globale efficace degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell’agenda sulle donne, la pace e la sicurezza. Quest’anno leGiornate europee dello sviluppo(link is external) si concentreranno sul ruolo fondamentale delle donne e delle ragazze nello sviluppo sostenibile e sulla loro equa partecipazione e leadership in tutti gli aspetti della vita. Inoltre, quest’anno l’UE ha assunto la leadership dell’iniziativa “Call to Action for Protection Against Gender-Based Violence” (Appello ad agire per la protezione contro la violenza di genere), in cui oltre 60 paesi e organizzazioni sono impegnati a garantire che la violenza di genere sia affrontata nelle crisi umanitarie.

L’Unione europea assiste in tutto il mondo le donne e le ragazze migranti o sfollate che sono vittime di violenza, ad esempio attraverso l’iniziativa Spotlight, o che sono escluse dall’istruzione, dall’accesso equo ai servizi di pianificazione sanitaria e familiare, dal mercato del lavoro e dalla vita politica più in generale. Nel mondo oltre 15 milioni di bambine in età scolare non vanno a scuola: l’UE contribuisce pertanto a migliorare l’accesso all’istruzione in Africa, America latina, Medio Oriente e Sud-Est asiatico.

La parità di genere non è solo una questione di equità e giustizia in Europa, ma è anche una necessità se si vogliono conseguire pace, sicurezza, sviluppo, prosperità economica e crescita in ogni parte del mondo.

Investire nel potenziale di donne e ragazze significa investire nella società nel suo complesso e gli uomini e i ragazzi ne sono responsabili quanto le donne e le ragazze.

Firmatari:

Frans Timmermans, primo Vicepresidente

Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli Affari esteri e la politica di sicurezza/Vicepresidente della Commissione

Günther Oettinger, Commissario per il Bilancio e le risorse umane

Johannes Hahn, Commissario per la Politica europea di vicinato e i negoziati di allargamento

Neven Mimica, Commissario per la Cooperazione internazionale e lo sviluppo

Dimitris Avramopoulos, Commissario per la Migrazione, gli affari interni e la cittadinanza

Marianne Thyssen, Commissaria per l’Occupazione, gli affari sociali, le competenze e la mobilità dei lavoratori

Pierre Moscovici, Commissario per gli Affari economici e finanziari, la fiscalità e le dogane

Christos Stylianides, Commissario per gli aiuti umanitari e la gestione delle crisi

Vera Jourová, Commissaria per la Giustizia, i consumatori e la parità di genere

Tibor Navracsics, Commissario per l’Istruzione, la cultura, i giovani e lo sport

Corina Crețu, Commissaria per la Politica regionale

Carlos Moedas, Commissario per la Ricerca, la scienza e l’innovazione

Mariya Gabriel, Commissaria per l’Economia e la società digitali

Info:  http://eige.europa.eu/gender-equality-index

Share Button
0 0 76 07 marzo, 2018 Temi, UE - Cittadini marzo 7, 2018

Facebook Comments